Monthly Archives: luglio 2010

Bill Callahan Letters to Emma Bowlcut

credo di dover immediatamente avvertire la truppa dei fan (della quale mi compiaccio di appartenere) che non si tratta propriamente del nuovo disco di Bill Callahan. peccato davvero: titolo e copertina avrebbero lasciato presagire alla catarsi. in realtà si tratta … Continue reading

Posted in 2010, Libercoli | Leave a comment

Ortometropolis/9 di Costantino Spineti

Mike Cooper plays Rayon Hula live@Half Die Festival Morpurgo Roof – non è un party, non è un aperitivo, è un festival di musica, se non siete interessati non venite. – è gradita la prenotazione via e-mail – non parcheggiare … Continue reading

Posted in Ortometropolis | Leave a comment

Taraf de Haïdouks live@Verucchio Music Festival

e così dopo una lunga attesa perdurante, incontri mancati e lontananze nostalgiche, finalmente il mio cammino ha incontrato le traiettorie imprevedibili dei Taraf de Haïdouks. più di tre anni or sono confessai la mia devozione incantata per questa musica e … Continue reading

Posted in 2010, Ao Vivo | 1 Comment

Body & Soul Storia disinvolta del Jazz

credo di averlo già detto, ma lo ripeto: amo profondamente RadioTre. è un baluardo, l’approdo necessario e la testimonianza udibile che questo paese (chissà come?) potrebbe ancora farcela. sono da più di vent’anni quello che si potrebbe definire un fruitore … Continue reading

Posted in 2010, Radio | 19 Comments

People Like Us & Wobbly Music For The Fire

tento il refrigerio, seppur cerebrale, con un delirio dal titolo Music For The Fire: illogico e blasfemo sotto la canicola che si aggira sui 40°. una musica da caminetto, domestica e disinfettata come hanno voluto le perfide logiche commerciali dai … Continue reading

Posted in 2010 | Leave a comment

Dave Cloud & The Gospel of Power Fever

non sono mai riuscito a fare davvero pace con l’idea del decesso del R’n’R: non si tratta propriamente di elaborazione del lutto quanto piuttosto di una specie di rabbia soffocata nella mancanza. incapace di rifugiarmi nel decennio d’oro del genere … Continue reading

Posted in 2009 | 8 Comments

MV & EE Liberty Rose

quando sarà definitivamente passata la sbornia folk (a questa parola ciascuno può aggiungere il prefisso/suffisso preferito, aggettivando a piacimento) di questo primo decennio del millennio, sarà interessante andare a controllare cosa e quanto resterà. trattasi di una speculazione puntuta e … Continue reading

Posted in 2010 | Leave a comment

DM Stith
Heavy Ghost Appendices

verso la fine dell’anno scorso non esitai a considerare DM Stith la più gradita sorpresa (cant)autoriale fra le varie e diverse ascoltate nel 2009. un disco cresciuto a dismisura ascolto dopo e ascolto e depositato come fuliggine nel profondo subconscio … Continue reading

Posted in 2010 | 3 Comments

The Books The Way Out

se c’è una cosa che ho imparato con il passare del tempo è quella di saper attendere tempo. e così ho atteso. 5 anni sono lunghi, sono tempi di un tempo, quando si attendeva a lungo e a volte invano. … Continue reading

Posted in 2010 | Leave a comment