la radio uabab #147

Radio Sonora
la radio uabab #147
lunedì 28 novembre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 30 novembre ore 17,00)
download

a3847861793_10


Hush

Reginald Omas Mamode IV
Reginald Omas Mamode IV (Five Easy Pieces, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

jay-daniel-cover-450
Niiko
Jay Daniel
Broken Knowz (Technicolour/Ninja Tune, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

eli-keszler-ee001_front


Corresponding Probably To Quanta

Eli Keszler
Last Signs of Speed (Empty Editions, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

yaqaza


Tigre Che Balza

Sea Urchin
Yaqaza (Kraak, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

front1

Chant Avec “Inanga”
François Muduga / Various Artists
Musique Du Burundi (Ocora, 1968)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | Leave a comment

la radio uabab #146

Radio Sonora
la radio uabab #146
lunedì 21 novembre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 23 novembre ore 17,00)
download

love-songs-part-two-main


Who To Love?
Romare
Love Songs: Part Two (Ninja Tune, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

a-tribe-called-quest-we-got-it-from-here-thank-you-4-your-service
Melatonin
A Tribe Called Quest
We Got It From Here Thank You 4 Your Service (Epic, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

00-josef_leimberg-astral_progressions-wg002-web-2016


Astral Progressions

Josef Leimberg
Astral Progressions (World Galaxy Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

yussef-kamaal-black-focus


Black Focus

Yussef Kamaal
Black Focus (Brownswood, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

frontDay to Day (For 6 Days a Week)
L.A. Salami
Dancing With Bad Grammar: The Director’s Cut (Beat Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | Leave a comment

la radio uabab #145

Radio Sonora
la radio uabab #145
lunedì 14 novembre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 16 novembre ore 17,00)
download

cover


Lift

Katie Gately
Color (Tri Angle Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

cram266__oy_lores
Horizon
OY
Space Diaspora (Crammed Discs, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

lambchop-flotus


Old Masters

Lambchop
FLOTUS (Merge Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

tom-ze-2016


Sexo

Tom Zé
Canções Eróticas de Ninar Urgência Didática (Tom Zé, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

00-shirley_collins-lodestar-web-2016
The Rich Irish Lady / Jeff Sturgeon
Shirley Collins
Lodestar (Domino, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | Leave a comment

Our Man is gone

lc_feature

It is with profound sorrow we report that legendary poet, songwriter and artist, Leonard Cohen has passed away. We have lost one of music’s most revered and prolific visionaries.

The Tibetan Book Of Dead narrated by Leonard Cohen

Posted in 2016 | Leave a comment

la radio uabab #144

Radio Sonora
la radio uabab #144
lunedì 7 novembre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 9 novembre ore 17,00)
download

darcy-james-argues-secret-society_2016_real-enemies


The Enemy Within

Darcy James Argue’s Secret Society
Real Enemies (New Amsterdam Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

a3896772013_10
Three (For Me We & Them)
Taylor Ho Bynum
Enter The PlusTet (Firehouse 12 Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

mary-halvorson-octet


Safety Orange (No. 59)

Mary Halvorson Octet
Away With You (Firehouse 12 Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

sedimental-you


TrumpinPutinStoopin

Mark Dresser Seven
Sedimental You (Clean Feed, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

christian-wallumrod-ensemble_2400x2400-1024x1024
Haksong
Christian Wallumrød Ensemble
Kurzsam and Fulger (Hubro, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | 2 Comments

Tom Zé
Canções Eróticas de Ninar

la carica degli 80! se proprio si volesse dare un titolo a questo autunno tiepido di ascolti musicali non si potrebbe evitare la quarta età! a seminare benefico sgomento è una banda di ottuagenari lucidi e determinati, creativi e appassionati nel distillare l’essenza di una vita artistica giunta caparbiamente ad una splendida fioritura tardiva! le avvisaglie che questo sarebbe stata una stagione incanutita e gerontofila c’erano già tutte: a cominciare (finalmente) dal Nobel assegnato a Bob Dylan, che di anni ne ha (solo) 75 ma è come se ne avesse 800 (certe età si misurano solo con la Storia)! e quando poi ti vedi giungere i dischi di John Tilbury che omaggia Derek Bailey con un titolo eloquente, quello di Lee “Scratch” Perry nell’ennesima incarnazione psicotropa ed intossicata, quello del maestro Paolo Conte a cui non basteranno mille (…) fiori da combattimento, e l’ennesima visita pastorale nelle nostre terre aride di Sua Vocalità Leonard Cohen, ecco che non resta che urlare: Largo ai giovani del 1930!

tom-ze-1

l’ultimo latitante della banda a piede libero arriva dal Brasile ed è forse il più malandro del manipolo: Tom Zé è un folletto mai divenuto grande, un Peter Pan con la sindrome di Lucignolo che da quasi 50 anni infesta di dadaismo la Mùsica popular brasileira (MPB)! il suo ultimo disco uscito a fine ottobre per celebrare i suoi 80 anni è, a suo dire, una vera e propria Urgência Didática. Canções Eróticas de Ninar (Tom Zé, 2016) è un appello affinché le tematiche della sessualità siano infuse ai fanciulli sin dalla più tenera età: canzoni erotiche per la ninna nanna recita l’ossimoro ardito del titolo, un outing tardivo in cui Tom Zé confessa in età adulta (!?!)  tutte le turbe vissute nella sua infanzia, un invito affinché la sessualità possa diventare per ciascuno “un tema che coinvolge la curiosità, il gioco, l’ansia, la separazione, il gusto, la blasfemìa, la preghiera!”.

tom-ze-2016

13 canzoni che esplorano irriverenti i temi della masturbazione, dell’orgasmo, del mistero (tutto maschile) della sessualità femminile, il voueyerismo, la proibizione, l’ignoranza, la religione: vicende private raccontate con la lingua del forrò, e servite in salsa batucada, in compagnia di un manipolo di giovanissimi musicisti che da qualche anno hanno riconosciuto in Tom Zè l’inequivocabile coeva urgenza post-adolescenziale. perché pare proprio che la vena surreale ed irriverente di Tom Zè non invecchi: le composizioni sono più sghembe di quanto ci si possa immaginare, la voglia di immaginare e di stupire è rimasta integra, i brani sono infestati da scherzi, suoni astrusi, deviazioni improvvise, samba ebbri e genialità infusa!

tomze-parasite

titoli astrusi come Orgasmo Terceirizado (più o meno esternalizzato), rime impunite come pasarela fina/vaselina, licenze poetiche (all’ombra delle fanciulle deflorate), spudoratezze familiari, un Tuca Tuca 2.0 ben oltre quello imparato dalla Carrà, indumenti con serbatoio (camisinha) e la sensazione che sia vero quello che diceva Brel mutuato da Paolo Conte (Les cochons, ils ne vieillissent pas, ils deviennent des saucissons ,mais les hommes, tant qu’ils vieillissent, ils deviennent des cochons…)! davvero una meraviglia sorprendente per un’artista ottuagenario ancora in tour, ancora irriverente, ancora provocatorio, ancora assolutamente vivo! insomma contro il logorio della vita post-moderna e gli acciacchi della mezza età affidatevi serenamente ad un’ottantenne che pare aver raggiunto un senso di pace ma non la pace dei sensi!

6a7e85247ac84455c48bb1163da511a0

auguri a questi splendidi ottuagenari volanti e di nuovo: Largo ai giovani del 1930!
buon ascolto!

Posted in 2016 | 1 Comment

la radio uabab #143

Radio Sonora
la radio uabab #143
lunedì 31 ottobre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 2 novembre ore 17,00)
download

cacao

Roboto
Cacao
Astral (Brutture Moderne, 2016)
more details

 

cover
Hubris Part 1 (excerpt)
Oren Ambarchi
Hubris (Editions Mego, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

nxworries-yes-lawd


Suede

NxWorries
Yes Lawd! (Stones Throw, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

ka-honor-killed-the-samurai-compressed


Just

Ka
Honor Killed The Samurai (Iron Works, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

00-mark_ernestus_ndagga_rhythm_force-yermande-nd25-web-2016
Jigeen

Mark Ernestus Ndagga Rhythm Force
Yermande (Ndagga, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | Leave a comment

la radio uabab #142

Radio Sonora
la radio uabab #142
lunedì 24 ottobre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 26 ottobre ore 17,00)
download

leonard-cohen-you-want-it-darker


Traveling Light

Leonard Cohen
You Want It Darker (Sony/Columbia, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

00-xylouris_white-black_peak-web-2016
Erotokritos (Opening)
Xylouris White
Black Peak (Bella Union, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

sao-paulo-underground_2016_cantos-invisiveis_prew


Of Golden Summer

São Paulo Underground
Cantos Invisíveis (Cuneiform Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

front


Amazing Game

Paolo Conte
Amazing Game (Decca/Universal, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

zoufris-maracas-le-live-de-la-jungle-2016
L’auvergnat

Zoufris Maracas
Le Live de la Jungle (Chapter Two Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | Leave a comment

la radio uabab #141

Radio Sonora
la radio uabab #141
lunedì 17 ottobre 2016 ore 17,00
(replica mercoledì 19 ottobre ore 17,00)
download

front


Malcolm Vibraphone X

Junko Onishi
Tea Times (Sony, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

%e5%9d%82%e6%9c%ac%e6%85%8e%e5%a4%aa%e9%83%8e-%e2%80%8e-%e3%81%a6%e3%82%99%e3%81%8d%e3%82%8c%e3%81%af%e3%82%99%e6%84%9b%e3%82%92-love-if-possible
Love If Possible
Shintaro Sakamoto (坂本慎太郎)
Love If Possible (できれば愛を) (Zelone Records, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

front


Theme for a Taiwanese Woman in Lime Green
Devendra Banhart
Ape in Pink Marble (Nonesuch, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

00-mv_and_ee-root-void-web-2016


I Wanna See U Far Away

MV & EE
Root/Void (Woodsist, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

cover
Hard to Believe

Aaron Neville
Apache (Tell It, 2016)
more details
( ( ( ↓ ) ) )

Posted in la radio uabab, la radio uabab 2016/2017 | Leave a comment

Paolo Conte
Amazing Game

due ore fa ho comprato l’ultimo disco di Paolo Conte. è il naturale impulso di un appassionato che è cresciuto con lui e che vuole vedere come va a finire questa storia d’amore e di bellezza, di memoria e di sogno. sentimenti miei che ho appiccicato al più grande musicista (e cantante) italiano e alla fortuna di aver condiviso cronologicamente molto del suo stesso tempo.
ho comprato il disco ed ho creato un silenzio ateo tutt’attorno. l’ho ascoltato un paio di volte – poi giungeranno a valanga tutti gli altri – e mi sono annotato per ogni canzone sensazioni personali (molto, forse troppo, personali). il blog è il mio e non mi chiedo il permesso di ricopiare quanto scritto. sono davvero annotazioni personali che somigliano ad un diario, una mappa scarabocchiata per nessun tesoro. si possono saltare a piedi pari e passare all’ascolto. davvero.

front

Amazing Game (Decca/Universal, 2016) è il primo disco interamente strumentale di Paolo Conte (in verità c’era stato altro ma la voce ufficiale ci tiene a sostenere questo) e raccoglie un “repertorio costituito da registrazioni effettuate in epoche diverse (dagli anni ‘90 a oggi), per colonne sonore di pièce teatrali e a scopo di studio e sperimentazione, che escono dai cassetti dove le custodivo con cara devozione”. i primi dodici brani furono commissionati dalla Regione Liguria per commemorare il centenario della nascita di Eugenio Montale, altri cinque facevano parte della colonna sonora della pièce teatrale Gli Amici Manichini (mai andata in scena), un brano fu scritto per Corto Maltese (teatrale), uno “scarto illustre” da Razmataz, mentre altri sono bozzetti, schizzi e fantasie uscite appunto dal cassetto del maestro. il disco è prodotto per la Platinum da Rita Allevato. i fedeli musicisti sono Lucio Caliendo (fagotto), Claudio Chiara (sax alto), Daniele Dall’Omo (chitarra), Daniele Di Gregorio (batteria, percussioni), Massimo Pitzianti (accordeon, bandoneon, clarinetto, sax baritono), Piergiorgio Rosso (violino), Jino Touche (contrabbasso), Luca Velotti (sax soprano), Luciano Girardengo (cello), Maurizio Bellati (corno francese), Alberto Mandarini (tromba), Jimmy Villotti (chitarra elettrica), Claudio Dadone (chitarra, accordeon), Piero Conti (batteria) e Ginger e Rama Brew (cori).

schermata-2016-10-17-alle-19-54-43

Pomeriggio Zenzero ha l’incedere ciondolante, pigro, dal vago sapore francese, oziosa, crepuscolare, con lo slancio di un tourbillon orchestrale. F.F.F.F. (For Four Free Friends) è la sorpresa inattesa, l’impro dolce e crepitante, cameristica, frastagliata, controllata dallo sguardo torvo del maestro che tiene la banda aggrappata ai suoi baffi e segue con lo sguardo un Pinocchio lunaire a zonzo sui bricchi astigiani. En Bleu Marine è un ennesimo sogno acquatico, sfuggente, affogato nella memoria, come se Fellini avesse potuto incontrare Conte con il beneplacito di Rota. Song In D Flat appartiene alla sempiterna tentazione sinfonica di Conte, dispari, sinuosa e solenne come lo sguardo di un padre.

schermata-2016-10-17-alle-20-03-44

P.U.B.S.A.G. (Passa Una Bionda Sugli Anni Grigi) da qualche parte dovevo pur scrivere che mi mancano disperatamente le parole, come una sciarada da risolvere, l’acronimo da svolgere o le noccioline per i ragazzi scimmia invocanti che accennano goffi passi di danza! Amazing Game è il fantasma di Hoagy Carmichael che viene a cena e non c’è che un fondo di bottiglia, pane, formaggio e tutto il tempo che non è passato da raccontarsi. commuovente! Zama questa è India (viene da Elegia del 2004), la riconosco, ma poi mi dico di no, in realtà è la sintesi gitana della diaspora dei nomadi da lì all’Andalusia! À La Provençale anche lei riconosco, nelle nebbie della memoria (mia), una rilettura di cosa? dovrei cercarla… la lingua di Conte, riconoscibile da chiunque lo ami, è imparlabile da nessuno se non da lui! Serenata Rustica una melodia che si snoda come un serpente flessuoso fondendo corno e clarinetto, sfuggendo alla memoria dallo stesso luogo da cui è giunta! La Danse Razmataz (questa viena da lì, già) resta il miraggio più coinvolgente di Conte, il tributo al sogno più coccolato. Zinia è forse un’alliterazione di Xenia? forse la Genova dialettale nobile a cui si giunge senza quella faccia? forse l’omaggio a Montale con Ravel e Debussy che applaudono!

schermata-2016-10-17-alle-20-16-22

The Bridge è un passaggio orchestrale abbozzato su di un foglio, una traiettoria possibile per l’altra sponda: eppur bisogna andar! Largo Sonata Per O.R. è la solennità sinfonica del teatro, il segreto slancio di un compositore di canzonette, la giungla paludosa del ‘900 da cui non si esce e ci si affonda. tutto l’esotismo che sprigiona la provincia e Paolo Conte alla marimba: applaudo! Fuga Nell’Amazzonia In Re Minore ha un sapore legnoso e tintinnante, evocativa ed errabonda: la foresta che divampa sotto il piano, nel rigoglìo di notti solitarie passate ad immaginare. c’è qualcun altro che sa fare questo?Sharon è l’ennesimo ritratto di una fra le tante donne che abiteranno sempre l’universo di Conte: questa è stizzita, sfuggente, forse stanca, ma occhieggia rauca! Tips restituisce il desiderio di parole, ci accontentiamo anche solo di una sillaba, ripetuta, tonta come la tentazione irresistibile di bonfonchiarci qualcosa sopra, la mancia per un pubblico riconoscente!

schermata-2016-10-17-alle-20-24-04

Rumbomania e pare di tornare a casa, un posto conosciuto nel quale accennare due passi, sculettare in segreto e provare a ritornare a riderci sopra! Mannequins Tango e quel sentimento triste che si balla, il più bell’ossimoro in cui perdersi: e Conte lo sa bene eccome! Novelty Step chissà se questa scappa fuori da Parole d’Amore Scritte a Macchina, per questi due dolcissimi minuti scarsi voglio credere che sia così! La Valse Fauve in completa solitudine, in bassa qualità, come entrare di nascosto nel salotto di casa e poterlo ascoltare mentre di notte compone. un privilegio. Gli Amici Manichini e c’è pure un bis! ancora la solitudine circondata da figurini immobili, in un balletto ipotizzato, un carillon sigillato! Changes All In Your Arms è una take da Razmataz, magari solo una prova, con le voci stanche di Ginger e Rama Brew a fine sessione. ma con un solo di Conte che vale il prezzo, due barriti al kazoo ed un ruggito che fanno capire chi impugna la frusta! Sirat Al Bunduqiyyah e generazioni intere cresciute sognando con Salgari, guardando con Hugo Pratt e viaggiando con Conte. un profumo sultano!

schermata-2016-10-17-alle-20-39-17

lo ripeto: sono appunti personali, magari li rinnegherò, magari no. quisquilie private:
si possono davvero lasciare dove li si è trovate. molto meglio ascoltare.
bello vivere lo stesso tempo di Paolo Conte!

Posted in 2016 | 5 Comments